Ancora una vittoria convincente per i Pirates di Coach Alfredo Giuso Delalba. Il team albi-savonese si impone per 44 a 0 sulla giovane formazione lombarda. 

I ragazzi di Coach Pietro Marotta erano attesi al riscatto dopo la brutta sconfitta alla prima di campionato, ma contro i pirati la differenza fisica e la maggior  esperienza dei liguri  si è fatta sentire.

I demoni erano scesi in Liguria con un roster nutrito (64) e con almeno una ventina di elementi nati tra il 2004 e il 2007. Questo per il futuro giocherà sicuramente a loro favore e l’esperienza che stanno facendo  affrontando questo campionato,  li renderà più forti.  

La pioggia dei giorni scorsi finalmente da una tregua e le squadre  scendono in campo . Sono i Pirates pronti a ricevere l’ovale dai Daemons. Parte bene la difesa lombarda che blocca la offense ligure. 

Altrettanto fa la difesa pirata “ The Black Wall” che non fa muovere palla ai demoni.  Palla alla  offense ligure ed è il #1 Federico Burato che con una corsa,  entra in end zone segnando e aggiudicandosi il premio della Famiglia Cottarella per i primi punti sul tabellone. #2 Stefano Raffaelli trasforma. 

Da questo momento diventa un monologo pirata mentre i demoni non riescono, se non in qualche rara occasione , a impensierire i pirati. 

La successione delle mete continua con  2 td pass lanciati da #1 Federico Burato per #87 Filippo Fiammenghi, #22 Andrea Fiammenghi e  un td pass lanciato dal #12 Niccolò Arnaldi per #11 Ismail Lamamra, due mete su corse di #3 Giacomo Querzola e #44 il veterano Davide Leoni.  

Anche la difesa va a tabellone  con la safety da 2 punti del # 45 Riccardo Mazzi . Tutte le mete sono state trasformate dal #2 Stefano Raffaelli. 

MVP Natpower H  #1 Federico Burato,  miglior giocatore Defense # 2 Stefano Raffaelli .

Ora una settimana di riposo per poi affrontare Domenica 24 Marzo alle ore 15,30, sempre al Pirates Field di Luceto, la sorpresa del campionato appaiata in testa alla classifica con i Pirates con 2 vinte e zero perse,  i sorprendenti Reapers Torino di Coach Riccardo Merola il cui buon lavoro sta dando i suoi frutti.