I Pirates 1984 non si fermano più e anche nella prima trasferta stagionale in quel di Dairago, nuova sede dei Blue Storms, fanno bottino pieno e si portano sul 4-0, sempre più dominatori incontrastati del girone C di IFL2.

Grande merito va dato alla offense ligure che soprattutto nel secondo quarto, dopo i primi 12 minuti di parità, (infatti il primo quarto terminerà 7-7) premerà sull’acceleratore, non concedendo respiro alla difesa di Busto Arsizio che fino a quel punto aveva retto bene. Prima di arrivare al perentorio 0-28 dei Pirates nel loro secondo quarto terribile, andiamo con ordine e partiamo dall’inizio. Pronti via e l’ispiratissimo quarteback ligure Federico “Cam” Burato trova con un perfetto deep pass per il WR Baca Ugalde che si invola in solitaria verso la endzone Blue Storms. Solo 2 plays in questo drive e 58 yds percorse. Fantastico inizio!

Sono trascorsi appena 4 minuti e già i Pirates fanno capire chi la farà da padrona oggi. “Snipers” Raffaelli porterà i Pirates sullo 0-7. Solo a pochi secondi dal termine del primo quarto i padroni di casa in tenuta blu trovano il momentaneo pareggio con un’ ottima corsa del loro quarterback Lorenzo Colombo. Giusto il tempo di cambiare lato d’attacco per il secondo quarto e inizia il “Cam” Burato show. In poco meno di 10 minuti il QB1 Pirates andrà a segno 4 volte dilagando in Airline grazie anche alle sue nuove armi offensive messe a disposizione dal front office Pirates in questa ottima offseason. Il 7-14 è frutto della ottima connettività tra Burato e Baca Ugalde. Il TD pass da 43 yds è solo il preludio alla tempesta perfetta che sta per abbattersi su Busto Arsizio.

Pochi secondi e Burato pesca con un pass da 27 yds Andrea “road runner” Fiammenghi che si invola in endzone per il perentorio 7-21. Non finisce qui il “great show” della offense guidata in sideline dall’OC Alice Menaballi, infatti stufo di cannoneggiare la difesa Blue Storms, QB Burata sigla nel giro di soli 3 minuti 2 TD rush. Il primo con una bella corsa da 4 yds e il secondo scivolando in mezzo al front seven avversario per la meta da 1 yds. In questo turbinio di segnature Pirates risaltano le statistiche messe a referto dalla offense. Arriveranno infatti 21 plays in 4 drive, 187 yds divorate e i 28 punti che di fatto mettono la parola fine alle velleità di rimonta dei padroni di casa. “Sniper” Raffaelli cecchino infallibile nei 4 extrapoint. Un plauso anche al suo holder Michelangelo delfino e a tutto lo special team, ben gestito in sideline da coach Ivano Ronco. Nel secondo tempo dopo l’ennesimo TD pass da 39 yds di Burato per Fiammenghi, Filippo questa volta, spazio agli eccellenti back up che tante franchigie vorrebbero come starter in questa IFL2. Con la “mercy rule” attivata (con 35 punti di scarto tra una franchigia e l’altra il tempo non si arresta più), ecco arrivare nel quarto e ultimo tempo il TD pass di QB Colombo, con un bel passaggio per il suo WR Gangi, che di fatto sancirà il risultato finale sul 14-47.

Nonostante la netta vittoria e supremazia territoriale, il coaching staff guidato dall’HC Giuso Delalba storce il naso per i 2 TD subiti e per le troppe disattenzioni difensive che soprattutto con qualche flag di troppo regalata a Busto Arsizio, ha permesso a quest’ultimi di avanzare di parecchie yards quando ancora la gara era in bilico. Si può pensare che il coaching staff voglia trovare il pelo nell’uovo in una giornata perfetta, ma cosi bisogna ragionare per non avere ulteriori cali di tensione nel finale di stagione.

I Blue Storms sono sembrati in netta crescita, soprattutto in difesa e nel passino game, la bella copia della franchigia che era stata sconfitta pesantemente a marzo in week 1 al Piates Field. Per i Pirates MVP indiscusso Federico Burato per lui 15 su 25, 4 TD (2 pass, 2 rush) e qualcosa come 246 yds pass. Bene anche gli altri, ad iniziare dalla O-line ligure che concede solo 1 sack a Busto Arsizio e regala secondi preziosi nella tasca al proprio QB, essenziali per lanciare con calma ai ricevitori, infatti le tante yards lanciate, i 15 completi e i 2 TD pass sono frutto di una linea offensiva solida e sempre attenta, a tutta la offense Pirates che alla fine guadagnerà be n 342 yds (84 rush, 258 pass).

Da segnalare piacevolmente le prime 28 yds guadagnate dal giovanissimo WR rookie Tommaso Bianchini (16 anni e qualche mese per lui), grazie ad un solo catch e un KOR da 24 yds, segno che i Pirates stanno lavorando bene anche dal punto di vista giovanile. L’unico sack di giornata per il “black wall” Pirates arriverà da Andrea Galvagno, con ben 8 yds di perdita, mentre leader di TKL sempre per i Pirates risulterà Alessandro Bologna con 7 placcaggi a referto.

Domenica prossima sarà bye week per i Pirates 1984, che servirà per riposarsi e allenarsi bene e con la giusta calma, ma guai a deconcentrarsi, infatti il prossimo appuntamento per i liguri sarà in week 7 ancora lontani dalle mura impenetrabili del Pirates field, domenica 21 aprile a Cernusco contro i Daemons, alla ricerca disperata della loro prima W da mettere a tabellino.